Come realizzare un poncho in pochi minuti.

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Quando ho iniziato a cucire, ho subito capito che era quello che stavo cercando: ovvero una passione che mi permettesse di esprimermi attraverso le mani.

Facevo già uncinetto, che mi è piaciuto fin da subito, ma quest’arte non mi permetteva di realizzare i “grandi” progetti che avevo in mente.

Riuscire a tradurre con le proprie mani un pensiero creativo è una delle cose più appaganti per l’essere umano.

Credo che in una società come la nostra, basata quasi esclusivamente sull’uso del pensiero logico e astratto, sempre più staccato dalla concretezza della realtà e della vita, nonché dalla natura e dalla percezione dei sensi, si stia creando una spaccatura tra questi due lati del nostro essere: quello razionale e logico, e quello irrazionale, creativo e manuale. Sono due lati del nostro essere che esistono e chiedono entrambi una qualche forma di espressione: può essere la cucina, l’orto, l’uncinetto, il cucito, la cesteria, la falegnameria, ma anche creare gioielli, riciclare materiali per creare cose nuove, il disegno, la scultura, andare a cavallo o a correre e chi più ne ha più ne metta.

Non si può vivere soltanto nella mente…..rischieremmo di perderci!!

Svolgere un’attività manuale, secondo me, ci riporta alla concretezza della realtà, con i piedi per terra.

E spesso ne abbiamo bisogno, sentiamo questa parte di noi che chiede di uscire ed esprimersi.

Il cucito mi è subito piaciuto innanzitutto perché è un’attività molto utile.

C’è sempre bisogno di una sarta in ogni casa. E qui intendo “casa” in senso largo: infatti, appena i vostri amici e parenti sapranno che amate cucire, si metteranno subito in coda con le loro richieste.

Questo poncho è nato proprio così: mia suocera ha un poncho molto vecchio (avrà almeno dieci anni) a cui è molto affezionata e mi ha chiesto di ricreargliene uno uguale. Il modello è di una semplicità assurda; è talmente facile che potete disegnarlo direttamente sul tessuto senza bisogno di creare prima il cartamodello.

1- Disegnate un rettangolo con base di 130 cm e altezza di 165 cm.

2- trovate la metà della base (65 cm). Disegnate una linea perpendicolare alla base di 80 cm di altezza.

3- Tagliate.

4- Rifinite il bordo con la taglia e cuci (meglio con 4 fili).

Qui sotto vedete il poncho già rifinito, con il gatto che mi gironzola sempre intorno quando cucio:

Ponchomnodellocongatto

5- Questo passaggio è facoltativo, nel modello originale non c’era: ho tagliato un rettangolo, l’ho rifinito con la taglia e cuci e poi l’ho applicato come colletto (perché zio Peyre, che mi ha fatto da modello, si lamentava che il filo dava fastidio al collo).

Ed ecco qua il poncho, indossato da uno splendido modello:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *